Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro «Hospes eras, civem te feci»


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  9,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

«Hospes eras, civem te feci»

Italiani e non Italiani a Roma nell’ambito delle ricerche umanistiche


Curato:
   Vian P.  
Anno Edizione:
  1996
Materie:
   Pubblicazioni di Arte e Storia
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  180
Casa Editrice:
  Unione Internazionale degli Studi di Archeologia, Storia e Storia dell'Arte in Roma
Cod. :
  CE012200

«Hospes eras, civem te feci», con un titolo che si ricollega a un lontano episodio del 1155, vuole soffermarsi, proprio in ragione della singolare natura dell’Unione, sul tema specifico del rapporto con Roma, mai facile e scontato, di una categoria particolare, gli studiosi delle discipline umanistiche, frequentemente sospettati di non capire nulla della realtà che li circonda, immersi, come si crede che siano, nella «turris eburnea» dei loro studi, delle loro biblioteche, dei loro archivi, dei loro scavi.
Sommario: C. Nylander, Romanus sum!?; R. Guasco, Premessa; P. Vian, Introduzione; J. Gadeyne, Sogno e realtà della città; M. Hochmann, L’Accademia di Francia, i suoi «pensionnaires» e Roma; M. Bell, Lo straniero nell’«Urbs»; X. Dupré i Raventós, Roma: tre episodi e tanti stimoli; O. Lehmann-Brockhaus, Ernst Steinmann, uno storico dell’arte nella Roma di Leone XIII; A. Wallace-Hadrill, «Hospes eras, civem te feci»; C. La Vigna, La forza della memoria; K. de Fine Licht, Frammenti romani; B. Andreae, L’angelo custode; A. Esch, «Archivreisen».L’incontro personale di storici tedeschi con l’Italia; J. Le Goff, Un «farnesiano» a Roma; J. Arce, All’ombra della cupola del Bramante; J. Kuusanmäki, Leggendo i bolli laterizi; F. Deuchler, Via Borgognona - Via Ludovisi; T. J. Meijer, Sentimenti contrapposti; S. Sande, Una società flessibile, generosa, accogliente; H. Fillitz, Quella chiave per la cassetta delle reliquie di Leone III; K. Zaboklicki, Avventure e disavventure di ricercatori polacchi a Roma; V. Saxer, Da Gérando a Mercati: per la collaborazione internazionale; P. Saint-Roch, «On ne peut pas ne pas aimer les italiens»; E.Gatz, Un «nido di rondini accanto al cupolone»; C. Nylander, Romanus sum?; L. Polverini, La «scuola» di Via Milano; C. Violante, Il mio incontro con Roma; F. García Sanz, La Spagna e l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano; M. Mazza, Amici dell’École Française de Rome; G. Battelli, Società Romana di Storia Patria: i soci esteri. Gli autori; Indice dei nomi di persona.