Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro Delle medaglie Carnico-Illiriche


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  25,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

Delle medaglie Carnico-Illiriche

del P. Angelo Maria Cortenovis


Curato:
   Moreno M.  
Anno Edizione:
  2003
Collana/Rivista:  Monografie
info
Isbn:
  88-88018-26-3
Materie:
   Numismatica
Formato:
  21x30
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  192
Illustrazioni:
  15 ill. in b/n; 75 ill. a colori
Casa Editrice:
  Editreg
Cod. :
  CZ015100

Il caso delle monete celtiche è di particolare interesse per vari motivi. Innanzi tutto alcuni fortunati rinvenimenti, non solo in Friuli (clamoroso il caso di Enemonzo), ma anche in Slovenia e in Austria hanno nel corso degli ultimi rivoluzionato una cronologia che sembrava assestata e che invece è lungi dall'essere compiutamente definita e accettata da tutti. In secondo luogo il Friuli può rivendicare in questo campo un invidiabile primato, perché il problema del riconoscimento e della datazione delle monete celtiche venne sollevato nella temperie illuministica degli ultimi decenni del Settecento quando nell'ambito dell'Accademia di Udine, che allora annoverava tra i suoi soci personaggi come lo Zanon e altri intellettuali molto attivi anche sul piano economico e sociale, si stabilirono contatti con i vivaci centri culturali d'Italia. Il Cortenovis, lombardo di origine e friulano di adozione, appartenente all'ordine dei Barnabiti che nel Settecento aveva fatto dell'impegno culturale la propria missione, ben esemplifica l'apertura della cultura friulana recettiva agli innesti e l'impegno a tutto campo nei vari campi. Tra le sue innumerevoli opere, edite ed inedite, gli scritti dedicati alle monete celtiche sono più citati che conosciuti, anche per le evidenti difficoltà di lettura e di interpretazione. L'autore ha cercato fino ai suoi ultimi giorni di riscrivere e migliorare questa vera e propria "Lebenswerk" e il curatore ha provveduto ha inquadrare nel contesto più appropriato l'intricata matassa delle "sudate carte"che egli ha prodotto.
Sommario: Presentazioni, Gian Andrea Cescutti (Presidente della Società Friulana di Archeologia); Romano Vecchiet (Direttore della Biblioteca Civica di Udine); Gli Studi: Cristina Donazzolo Cristante, Angelo Maria Cortenovis; Maurizio Buora, Il Cortenovis, l'Asquini e le ricerche sui documenti; Massimo Lavarone, Altre monete riprodotte nei manoscritti del Cortenovis; I Manoscritti: Dissertazione sulle monete appartenenti agli antichi regoli della Carnia; Delle Medaglie Carnico-Illiriche; L 'Apparato iconografico; La Biografia ; B.C.V. ms. 588: il facsimile.