Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro La collezione epigrafica di Camillo Pellegrino a Casapulla


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  16,50
Prezzo scontato:
  9,90
(L'offerta non è soggetta ad ulteriori sconti)
Per procedere all'acquisto effettuare il login

La collezione epigrafica di Camillo Pellegrino a Casapulla


Autore:
   Chioffi L.  
Anno Edizione:
  2007
Isbn:
  978-88-7140-338-X
Materie:
   Epigrafia
Formato:
  21x15
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  48
Illustrazioni:
  31 ill. in b/n
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AB080400

Con la collaborazione di P. Ronga.
Sommario: Presentazione; Premessa; Camillo Pellegrino, studioso e collezionista. Le iscrizioni conservate nel Palazzo Stasio-Pellegrino a Casapulla: Tavola I: Parete A: Iucunda, schiava; Lucius Plotius Philippus, liberto, con Staia Rufa, nata libera; Naevius Primus, morto a nove anni. Parete B: Ovii, liberti; Aulus Carvilius Teuriscus, liberto agrimensore. Parete C: Publius Arrius Glyco(n), liberto; Virius Audentius Aemilianus, nobiluomo, governatore della Campania; Plotia Nica e Decimus Livinius Arc(h)ia, liberti. Betiliena Philemathio(n), liberta; Caius Prosius Rufus, cittadino capuano; Lucius Tiberius Claudius Aurelius Quintianus, console, e Tiberius Claudius Felix, assessore; Gabinii, liberti; Vitellii, liberti; Lucius Cocceius Papa, liberto, e Lucius Valerius Nicephorus, medico, suo amico; Traianus, imperatore, e un ignoto edile; Rullia Adepta e Publius Brittius Epicianus (?), liberti e conviventi; Sempronii e Cominius Campanus, cittadini capuani; Lucius Aufustius Zethus, liberto, con Statia Nota, sua moglie, e con i suoi famigliari. Varii, liberti; Lucius Cornelius At(t)icus, ex schiavo di una donna; Termine di recinzione. Parete D: Lucius Cominius Felix Ostarianus e Decidia Merope, sua moglie; Herennia, sacerdotessa di Cerere; Lucius Campanius Sosimenes, Augustale; Naevia Severa, morta a sei anni; Tiberius Albius, uomo libero; Quintus Alfius, cittadino capuano; Un anonimo Augustale. Bibliografia abbreviata. Webgrafia. Indici.