Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 16. Troppo al sangue


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  10,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

16. Troppo al sangue


Autore:
   Dionisi B.  
Anno Edizione:
  2007
Collana/Rivista:  Segmenti
info
Isbn:
  978-88-7140-336-3
Materie:
   Narrativa e poesia
Formato:
  15x23
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  104
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  BB011600

C'è una forma umana di Roma - e sia Roma l'allegoria di ogni città di questo nostro tempo occidentale - che si mostra impudica sotto il sole, o pullula notturna nei riflessi di neon e Mac Donald, o striscia nell'ombra dei quartieri e dei tormenti sotterranei: e noi non la vediamo. Ipocriti o sinceri, distogliamo lo sguardo; siamo malati di agnosìa; rifiutiamo l'identikit; ci dichiariamo estranei: e soprattutto innocenti. Ne facciamo parte, ne siamo sostanza, siamo lei, siamo quella forma: e siamo altro da lei, non la riconosciamo. Dionisi guarda, invece: e vede: e racconta. Ci costringe a vedere. Ci mette una mano sul petto, o sulla nuca, e ci dice (ma con voce sommessa e un po' roca): Guarda uomo (donna, vecchio, ragazzo, essere umano), guarda: è roba tua. In un modo o in un altro ti riguarda.