Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro I colori dell'Archeologia


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  36,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

I colori dell'Archeologia

La documentazione archeologica prima della fotografia a colori (1703-1948)


Curato:
   Filippi F.  Attilia L.  
Anno Edizione:
  2009
Isbn:
  978-88-7140-416-5
Materie:
   Archeologia
Formato:
  23x27
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  216
Illustrazioni:
  115 a colori
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AK013400

Catalogo della mostra "I colori dell’Archeologia. La documentazione archeologica prima dell’introduzione della fotografia a colori (1703-1948)", a cura di Luigia Attilia e Fedora Filippi. Allestimento a cura di Marina Magnani Cianetti. Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano. Piazza dei Cinquecento Roma. Dal 18 dicembre 2009 al 28 febbraio 2010.

Oggi siamo abituati a tirare fuori dalla tasca una minuscola macchina fotografica e a impossessarci in un attimo di un’immagine a colori, anche complessa e preziosa come un quadro antico esposto in un museo. A tal punto che spesso, anche per studiare, preferiamo osservare i dettagli di una fotografia digitale. Ma non è sempre stato così. Come erano documentate e illustrate sui libri le scoperte archeologiche prima dell’introduzione della fotografia a colori? E in particolare le scoperte di pitture antiche nelle quali il colore rappresentava un elemento fondamentale? La mostra cerca di raccontare, attraverso più di cento disegni e acquerelli conservati in diversi Archivi di Roma, la storia della formazione della documentazione dei ritrovamenti archeologici dell’Urbe nel tempo a partire dal 1703 fino al 1948.
Sommario: Introduzione; D. Sinisi, Conoscere, documentare, conservare. La tutela delle “Antichità” A Roma tra normativa e nuove professionalità; M. Magnani Cianetti, Il colore nei disegni dell’antichità. Dall’accademia al rilievo archeologico; S. Sgalambro, Le tecniche del disegno manuale in archeologia: una tradizione con cui confrontarsi. I disegnatori: Francesco Bartoli; Virginio Vespignani; Luigi Maria Valadier; John Oliver York; Antonio Cipolla; Luigi Holl; Giuseppe Massuero; Guglielmo Calderini; Pietro Narducci; Luis Schulz; Hieronymus Christian Krohn; Rodolfo Lanciani; Domenico Marchetti; Angelo Elladio Migliorati; Rodolfo Morigi; Torquato Ciacchi; Guido Cirilli; Edoardo Gatti; Teresa Martucci; Lucilio Cartocci. Catalogo dei disegni: Esquilino. I Trofei di Mario, Francesco Bartoli (1703); Via Appia. Capo di Bove. Torre Dirupata, Francesco Bartoli (1707); Colosseo. I rilievi degli ipogei, Luigi Maria Valadier (1814); Edificio sotto il tempio di Venere e Roma. Pavimento policromo in opus sectile, Anonimo (1820); Domus romana presso la via Ardeatina, ambienti con pavimenti policromi, Virginio Vespignani (anno 1833); Fuori Porta Maggiore. Mura Aureliane. Progetto della stazione ferroviaria Roma - Frascati, Antonio Cipolla (1850); Esquilino, Via Graziosa. Domus Repubblicana. Ciclo pittorico con scene dell’Odissea, Louis Schulz (1871), Hieronymus Christian Krohn (1870-1875?); Quirinale. “Aggere di Servio Tullio”, avanzi di antichi muri con pitture, Rodolfo Lanciani (1845-1929); Monte della Giustizia. Aggere di Servio Tullio, Rodolfo Lanciani ? (1876); Roma. Sepolcro di età romano imperiale nella Vigna Casali, Luigi Holl (1873); Anzio. Villa di Nerone, Rodolfo Lanciani (1845-1929); Scavo della fogna di via di San Gregorio, Pietro Narducci (1879); Trastevere. Villa della Farnesina, Domenico Marchetti (1879); Trastevere. Villa della Farnesina, Giuseppe Massuero (dal 1879), A. Sikkard (post 1880); Lungotevere. Edifici medievali presso Ponte Rotto, Domenico Marchetti (s.d.); Alveo del Tevere. Rinvenimenti in corrispondenza del Ponte Sisto: Ponte di Valentiniano, Domenico Marchetti (1878); Via Sistina. Avanzi di antica villa sul Pincio, Edoardo Gatti (1875-1928); Frammento di parete con pittura, Edoardo Gatti (1875-1928); Stazione Termini. Monte della Giustizia, antichi avanzi con pittura, Anonimo (1872); Via Nazionale. Ninfeo sotto palazzo Rospigliosi, Edoardo Gatti (1875-1928); Via Napoli. Avanzi di muratura antica con pittura a fondo rosso, Edoardo Gatti (1875-1928); Terme di Diocleziano. Progetto per sale espositive, Guglielmo Calderini (26 aprile 1901); Foro Romano. Veduta da Est, Autore ignoto (1905-1906); Niger Lapis e comizio, veduta da nord est, Guido Cirilli (1900); Foro Romano. Tomba infantile del VII sec. a.C. Equus Domitiani e Niger Lapis. Materiali, Torquato Ciacchi (1899-1901), Rodolfo Morigi (1904-1905), Angelo Migliorati (1905); Basilica Aemilia, pavimenti e assonometria, Maria Barosso (1922-1923); “Casa dei Grifi”, pitture, Teresa Martucci (1913); Roma. Domus della Stazione Termini. Affreschi, Lucilio Cartocci e L. Belli (1948); Grottaferrata, l’ipogeo delle Ghirlande. Ipotesi ricostruttiva di una acconciatura di età domizianea, Anna Maria Manfredonia; Una sepoltura femminile della necropoli di Caracupa, Anna Maria Manfredonia; Anagni. Corredo di sepoltura rinvenuto presso le mura, Anna Maria Manfredonia; La Cista Ficoroni, Anna Maria Manfredonia;