Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 37. Wolfgang Helbig e la scienza dell’antichità del suo tempo


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  40,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

37. Wolfgang Helbig e la scienza dell’antichità del suo tempo

Atti del Convegno Internazionale in occasione del 170° compleanno di Wolfgang Helbig


Curato:
   Sandberg K.  Örmä S.  
Anno Edizione:
  2011
Collana/Rivista:  Acta Instituti Romani Finlandiae
info
Isbn:
  978-88-7140-469-1
Materie:
   Riviste e Annali Archeologia
Formato:
  21,5x27,5
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  244
Casa Editrice:
  Institutum Romanum Finlandiae
Cod. :
  CA014000

Il 2 febbraio 2009, in occasione dei 170 anni dalla nascita di Wolfgang Helbig (1839–1915), l’Institutum Romanum Finlandiae organizzò un Convegno internazionale per ricordare la figura del grande archeologo tedesco, proponendo come tema alcuni dei numerosi filoni d’indagine, con cui il noto studioso aveva dato il suo apporto all’arricchimento degli studi classici. Villa Lante al Gianicolo, sede dell’institutum, era certamente il luogo più idoneo per celebrare l’avvenimento, perché proprio qui lo Helbig ebbe la propria residenza, insieme alla famiglia, a partire dal 1° ottobre 1887 e dove rimase fino alla sua morte, avvenuta quasi trenta anni più tardi. Il lungo soggiorno contribuì forse a creare un particolare filone di continuità con i successivi occupanti della villa, tant’è che quelle attività intellettuali, che si svolgevano all’epoca del famoso salotto di Nadine e Wolfgang, animato da incontri letterari e intrattenimenti musicali, sono proseguite nel nostro istituto, tuttora frequentato dai più eminenti studiosi, grazie agli eventi culturali promossi dagli attuali padroni di casa. La nobile dimora venne, infatti, ceduta dal figlio dei coniugi Helbig, Demetrio (1873–1954), pioniere dell’Aeronautica italiana e generale del Genio Aeronautico, nonché docente di chimica industriale, allo Stato Finlandese, che l’acquisì nel 1950, utilizzando i fondi raccolti dalla Fondazione institutum Romanum Finlandiae, che gestisce l’istituto Finlandese a Roma, inaugurato nel 1954.

Per ulteriori informazioni
sull'Institutum Romanum Finlandiae:
http://www.irfrome.org/
Sommario: Abbreviazioni bibliografiche; Horst Blanck, Wolfgang Helbig: una breve biografia. «Helbig e il suo tempo». Italo M. Iasiello, Il giovane Helbig nel contesto del mercato: il commercio delle antichità tra Campania e Roma. Anna Maria Voci, Helbig e il 20 settembre 1870. Bernard Andreae, Wolfgang Helbig: Zweiter Sekretär des Instituto di Corrispondenza. Archeologica und dessen Nachfolgeinstitution des Archäologischen Instituts des deutschen Reiches 1865-1887. Mette Moltesen, Wolfgang Helbig e la Ny Carlsberg Glyptotek. Marco Buonocore, Helbig e Mommsen: dal Nachlaß Mommsen presso la Staatsbibliothek. Zu Berlin Preussischer Kulturbesitz. «Helbig e l’etruria». Alessandro Guidi, Helbig, Pigorini e la “teoria pigoriniana”. Cornelia Weber-lehmann, Die etruskische Grabmalerei in Leben und Werk Wolfgang Helbigs. Filippo Delpino, Helbig, Tarquinia e la periodizzazione culturale dell’Etruria protostorica. «Helbig e l’arte romana». Thomas Fröhlich, Helbig e la pittura pompeiana. «Fibula Prenestina». Annalisa Franchi de Bellis, La fibula prenestina. Margherita Guarducci e Wolfgang Helbig, presunto falsario. Heikki Solin, Helbig, la Fibula e fin de siècle. Carlo de Simone, Ancora sulla Fibula Praenestina (e fine). Indice dei nomi moderni. Autori.