Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro Il torchio e l’architetto


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  25,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

Il torchio e l’architetto

Opere a stampa e biblioteche di architettura nei ducati di Parma e Piacenza in età farnesiana (1545-1731)


Curato:
   Mambriani C.  
Anno Edizione:
  2013
Isbn:
  978-88-7140-527-8
Materie:
   Architettura
Formato:
  21,5x27
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  120
Illustrazioni:
  bn e colori
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar

In quale misura la tradizionale consapevolezza dei Farnese come committenti di architettura poté influire sulla produzione editoriale nei loro ducati di Parma e Piacenza durante i quasi due secoli del loro dominio? La presenza di una corte principesca di età moderna giocò sulla scelta dei temi, sull’attività dei professionisti e sulla qualità delle edizioni? Ne rimase incentivata la produzione di volumi illustrati e di stampe? E come circolarono questi prodotti del torchio, stampati qui o altrove, e in particolare quelli utili al variegato spettro professionale degli architetti? Quali furono, tra queste tipologie di libri e stampe, le più presenti nei loro scaffali e in quelli della biblioteca farnesiana?
A tali domande cerca di rispondere, o di fornire elementi utili a future risposte, questo volume, frutto di un’indagine finanziata grazie a un Progetto di Ricerca d’Interesse Nazionale (2008) che ha coinvolto storici dell’architettura, dell’arte e del libro. Attraverso ottiche di lettura specialistiche differenti ma intrecciate, si sono osservati i fenomeni della produzione e della circolazione dell’editoria di architettura nei ducati di Parma e Piacenza in età farnesiana (1545-1731). Il libro si offre quale primo strumento per chi indaga sulla cultura architettonica, artistica e libraria nei ducati, con attenzione al ruolo degli autori e degli artisti coinvolti – apparatori, disegnatori, pittori, architetti, incisori –
collegati o meno all’orbita della corte, fornendo anche utili spunti, da un’angolatura inconsueta, sulle vicende della dinastia farnesiana e dei suoi dominî padani.
Sommario: Premessa, Carlo Mambriani. L’editoria di architettura in un principato di età moderna, Carlo Mambriani. Manoscritti e libri di architettura militare, Oronzo Brunetti. Il ruolo di architetti, disegnatori e incisori nel libro illustrato, Chiara Travisonni. Appendici. Schede delle edizioni di architettura e discipline affini stampate a Parma e a Piacenza (1545-1731), a cura di Chiara Travisonni. Per un corpus delle edizioni di architettura nella Biblioteca farnesiana a Napoli, Carlo Mambriani. Alcune biblioteche private di architettura e discipline affini nella Parma farnesiana, Federica Dallasta. Fonti bibliografiche. Bibliografia. Indice delle persone.