Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro "PITHECUSAN WORKSHOPS"


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  65,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

"PITHECUSAN WORKSHOPS"

Il quartiere artigianale di S. Restituta di Lacco Ameno (Ischia) e i suoi reperti


Autore:
   G. Olcese  
Anno Edizione:
  2017
Collana/Rivista:  Immensa aequora
info
Isbn:
  978-88-7140-714-2
Materie:
   Archeologia
Formato:
  21x29,7
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  464
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AA092000

Il volume “PITHECUSAN WORKSHOPS”. Il quartiere artigianale di Santa Restituta di Lacco Ameno (Ischia) e i suoi reperti rappresenta il risultato di molti anni di ricerche archeologiche e archeometriche condotte dall’Autrice, inizialmente nell’ambito della Habilitation presso la Freie Universität di Berlino, grazie a un finanziamento della Thyssen Stiftung di Bonn e, in seguito, grazie al progetto FIRB dal titolo: “IMMENSA AEQUORA. Ricostruire i commerci nel Mediterraneo in epoca ellenistica e romana attraverso nuovi approcci scientifici e tecnologici” (www.immensaaequora.org)
Oggetto dell’indagine è il quartiere artigianale sito sotto la Chiesa di Santa Restituta, a Lacco Ameno di Ischia - l’antica Pithekoussai, molto nota per le fondamentali ricerche di Giorgio Buchner e David Ridgway nella necropoli di San Montano - ai piedi del Monte Vico e vicino al mare. Il contesto, di grande interesse, è stato casualmente portato alla luce negli anni ’50 del secolo scorso dal parroco della Chiesa, Don Pietro Monti; copre una superficie di oltre 1500 mq ed era costituito da più fornaci, di cui 7 sono state individuate, insieme ad aree di lavorazione, a un essiccatoio per tegole, e a strumenti usati dai ceramisti.
Grazie all’utilizzo della termoluminescenza e allo studio dei reperti, è stato possibile stabilire la reale cronologia delle fornaci, che non è circoscritta all’epoca repubblicana come si pensava tempo fa, ma che è compresa tra il periodo tardo geometrico e quello ellenistico. La fornace più antica, quella circolare, risale con tutta probabilità alle prime fasi dell’insediamento greco. Le altre, di forma rettangolare e di misure variabili, sono datate tra l’epoca arcaica e quella ellenistica.
I nuovi dati e la localizzazione del kerameikos nella piazza di Santa Restituta contribuiscono ad aggiungere tasselli alla conoscenza della storia e della topografia dell’isola, nota per le sue argille.
Lo studio archeologico e archeometrico (chimici - XRF - e mineralogica, microscopio polarizzatore) ha permesso di individuare e di caratterizzare le ceramiche prodotte localmente, che sono poi le stesse che si trovano nelle tombe della Necropoli di San Montano e in altri contesti di Pithekoussai. L’importanza dell’area artigianale di Santa Restituta si intuisce per l’abbondanza e la varietà delle classi ceramiche prodotte per un lungo periodo di tempo: ceramiche fini, comuni e laterizi dipinti nel periodo della colonizzazione e in quello arcaico; nel periodo ellenistico, anfore greco italiche bollate in greco, per il contenimento e per il commercio del vino locale, ceramiche fini, matrici, louteria, bracieri e coroplastica, pesi da telaio.
L’incrocio di dati diversi - tipologici, archeometrici ed epigrafici - ha permesso di ottenere nuove e importanti informazioni sull’organizzazione della produzione della ceramica a Ischia ma anche sull’economia dell’isola e del Golfo di Napoli nel corso dei secoli. Vino, metalli, allume e ceramica sono stati al centro delle attività produttive di questa interessantissima isola, meta della colonizzazione greca e per molti secoli al centro di correnti commerciali di primo piano.
Sommario: Premessa
Introduzione
Partizione del lavoro, referenze testuali, numeriche, grafiche e fotografiche

PARTE PRIMA. LE FORNACI DI SANTA RESTITUTA DI LACCO AMENO
Capitolo I. Le fornaci sotto la Chiesa di Santa Restituta di Lacco Ameno
Capitolo II. L’isola di Ischia: qualche cenno su geografia, geologia e archeologia
Capitolo III. Don Pietro Monti e le ricerche a S.Restituta (W.-D. Heilmeyer)
Capitolo IV. Il kerameikos sotto la Chiesa di Santa Restituta
Capitolo V. Le analisi di laboratorio sulle fornaci: la datazione con la TL (M. Martini e E. Sibilia)

PARTE SECONDA. LE CLASSI CERAMICHE. PERIODO TARDO-GEOMETRICO E ARCAICO
Capitolo VI. “Pithecusan Workshops”. La produzione ceramica locale di epoca tardo-geometrica e arcaica a Santa Restituta

PARTE TERZA. LE CLASSI CERAMICHE. PERIODO ELLENISTICO E REPUBBLICANO
Capitolo VII. La ceramica a vernice nera di Ischia e del Golfo di Napoli
Capitolo VIII. La ceramica comune da cucina, da mensa e per la preparazione
Capitolo IX. La ceramica di età ellenistica e repubblicana: oggetti legati alla produzione e altre classi (pesi da telaio, bracieri, louteria)

PARTE QUARTA. INDAGINI ARCHEOMETRICHE SULLE CERAMICHE
Capitolo X. Le analisi di laboratorio sulle ceramiche di Ischia

PARTE QUINTA. I CATALOGHI
Introduzione ai cataloghi. La classificazione dei reperti, l’organizzazione dei cataloghi e le difficoltà incontrate
I. Cataloghi dei materiali delle fornaci
II. Cataloghi morfo-tipologici delle classi ceramiche

Abstract in English
Bibliografia.