Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 10. Tra Epigrafia prosopografia e archeologia


Libro
Disponibilità: 
No
Prezzo:  €  77,47
Per procedere all'acquisto effettuare il login

10. Tra Epigrafia prosopografia e archeologia

Scritti scelti rielaborati ed aggiornati


Autore:
   Eck W.  
Anno Edizione:
  1996
Collana/Rivista:  Vetera
info
Isbn:
  88-7140-087-7
Materie:
   Epigrafia Riviste e Annali
Formato:
  22x28
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  436
Illustrazioni:
  36 ill. in b/n
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AB011000

Epigrafia e prosopografia hanno una lunga storia comune fin da quando Theodor Mommsen ideò insieme il Corpus Inscriptionum Latinarum e la Prosopographia Imperii Romani. Negli ultimi decenni a questo binomio si è venuta aggiungendo, come fattore di arricchimento, l’archeologia. I 17 contributi, rivisti ed aggiornati, che qui si presentano vogliono essere un’esemplificazione del benefico intrecciarsi di queste discipline e dei percosi metodologici che esse offrono allo studioso per avvicinarsi alla realtà storica. Indici analitici assai esaurienti facilitano la consultazione del ricchissimo volume.
Sommario: Premessa. Struttura sociale del ceto senatorio romano dell’alto impero e metodi statistici. Criteri di avanzamento nella carriera senatoria (69-138 d.C.). Nuove considerazioni. La struttura delle città nelle province nordoccidentali e il loro contributo all’amministrazione dell’impero. Graffiti nei luoghi di pellegrinaggio dell’impero tardoantico. La famiglia dei Volusii Saturnini in nuove iscrizioni di Lucus Feroniae. I Sulpicii Galbae e i Livii Ocellae: due famiglie senatorie a Terracina. I legati Augusti pro praetore italici sotto Adriano e Antonino Pio. La dipendenza come concetto ambivalente: a proposito del rapporto tra patrono e liberto. La presenza delle famiglie senatorie nelle città dell’impero romano fino al tardo III secolo. I senatori e la loro provincia di origine: l’esempio della Baetica. Iscrizioni sepolcrali romane: intenzione e capacità di messaggio nel contesto funerario. Epigrafi e costruzioni sepolcrali nella necropoli sotto S. Pietro: a proposito del valore di messaggio delle iscrizioni funebri nel contesto dei complessi sepolcrali. Autorappresentazione senatoria ed epigrafia imperiale. Onori per persone di alto rango sociopolitico in ambito pubblico e privato. Tituli honorarii, curriculum vitae e autorappresentazione nell’alto impero. Rango o anzianità: la compensazione delle aspettative di rango negli onori pubblici a Volubilis. Dedicanti di statue ed autorappresentazione nelle città romane. Titoli e luoghi di pubblicazione originali. Indici. Tavole.