Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 4. Un contributo alla storia del collezionismo


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  15,49
Per procedere all'acquisto effettuare il login

4. Un contributo alla storia del collezionismo

La raccolta epigrafica Delfini


Autore:
   Orlandi S.  
Anno Edizione:
  1993
Collana/Rivista:  Opuscula Epigraphica
info
Isbn:
  88-7097-027-2
Materie:
   Epigrafia Riviste e Annali
Formato:
  21,5x27
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  72
Illustrazioni:
  32 ill. in b/n
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AB030400

Non è sempre facile ricostruire gli avvenimenti che hanno portato un’iscrizione antica alla sua attuale collocazione; per ricostruire queste vicende utili indicazioni vengono fornite, a volte, da frasi, cifre o simboli aggiunti in tempi successivi direttamente sul supporto antico a ricordo e testimonianza della modalità della sua acquisizione. In questo studio, partendo dalla presenza di elementi di questo tipo su un gruppo di iscrizioni dei Musei Capitolini, si ricostruiscono le vicende della raccolta iniziata intorno alla metà del XVI secolo da Gentile Delfini.