Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro La Villa dei Volusii a Fiano Romano


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  4,13
Per procedere all'acquisto effettuare il login

La Villa dei Volusii a Fiano Romano


Autore:
   Gazzetti G.  
Anno Edizione:
  1997
Isbn:
  88-7140-103-4
Materie:
   Etruria Meridionale
Formato:
  15x21
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  16
Illustrazioni:
  14 ill.
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AG021600

La villa dei Volusii Saturnini venne portata in luce nel 1961 durante i lavori di costruzione dell’Autostrada del Sole; in tale occasione, prima che la Soprintendenza Archeologica potesse intervenire nella demolizione delle sovrapposte strutture medioevali andò distrutta un’ampia parte del complesso romano. Dalla documentazione reperibile presso l’Archivio della Soprintendenza Archeologica per l’Etruria Meridionale e dalla cartografia catastale dei vincoli archeologici, antecedente il 1961, si vede con chiarezza la forma e l’estensione del Casale Beni Poggi sorto su di un convento medievale. Dei resti della villa affiorava il lato sud orientale del criptoportico repubblicano visto dal Tomassetti a inizio secolo. Alcuni ambienti legati al giardino della villa e del criptoportico erano visibili nei pressi di un fontanile. Tutte queste tracce, come del resto buona parte del settore orientale della villa e del criptoportico, sono andate distrutte negli sbancamenti eseguiti dalla Soc. Autostrade nei primi anni ’60. Dal 1962 al 1971 la Soprintendenza Archeologica per l’Etruria Meridionale, con la collaborazione della Soc. Autostrade, procedette allo scavo per estensione della parte superstite del vasto complesso e, negli anni successivi, alla sua sistemazione mediante restauro delle murature e dei pavimenti a mosaico e allestimento delle opere di protezione tuttora esistenti. L’Antiquarium, chiuso dai primi anni ’80 è in rifacimento; la visita può avvenire su richiesta e parte dall’area archeologica di Lucus Feroniae.