Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 2. Paesaggi di potere: problemi e prospettive


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  46,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

2. Paesaggi di potere: problemi e prospettive

Atti del convegno, Udine 16-17 maggio 1996


Curato:
   Camassa G.  De Guio A.  Veronese F.  
Anno Edizione:
  2000
Collana/Rivista:  Quaderni di Eutopia
info
Isbn:
  88-7140-193-X
Materie:
   Riviste e Annali Archeologia
Formato:
  17x24
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  312
Illustrazioni:
  55 ill.
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AD150202

Il filone di ricerca di origine anglo-americana noto nella letteratura archeologica con la definizione di “archeologia dello spazio” ha trovato, in questi ultimi anni, notevoli consensi anche tra gli studiosi italiani. Nell’ambito di questa disciplina un ruolo di rilievo è stato assunto dai “paesaggi di potere”, strumento teorico e operativo per le indagini territoriali al centro delle riflessioni presentate in questo volume. Di tale strumento gli studiosi convenuti al Seminario – il primo in Italia relativo a quest’area d’indagine – hanno proposto due diverse quanto fondamentali interpretazioni: da un lato è infatti definito “paesaggio di potere” l’esito dell’applicazione di modelli quantitativi per la simulazione delle aree di influenza dei siti nel territorio, al fine di verificare la validità di talune ipotesi di lavoro. Dall’altro il “paesaggio di potere” è inteso come la modalità con cui il potere si configura nello spazio o con cui lo spazio stesso viene organizzato nell’ambito di un determinato sistema di potere. Due diverse prospettive di ricerca, complementari più che antagoniste, qui delineate nel loro percorso critico ed esemplificate con le analisi di casi-studio specifici che non si esauriscono – come generalmente si verifica in quest’ambito disciplinare – con il panorama delle culture pre-protostoriche, ma si addentrano con buoni risultati anche nei periodi successivi.
Sommario: A. De Guio, Power to the people? «Paesaggi di potere» di fine millennio…; V. La Rosa, Il potere e lo spazio nel mondo egeo; A. Guidi, Il Lazio e la Sabina fra la tarda età del bronzo e l’età del ferro; F. Di Gennaro, «Paesaggi di potere»: l’Etruria meridionale in età protostorica; V. D’Ercole, I «Paesaggi di potere» dell'Abruzzo protostorico; A. Vanzetti, Costruzione e problemi dei «Paesaggi di potere» nella Sibaritide (Calabria) dall’età del Bronzo alla prima età del Ferro; G. Camassa, L’organizzazione dello spazio nella polis; A. Muggia, L'area di rispetto come indicatore di politiche demografiche e di gestione territoriale; A. Muggia, La gerarchia degli insegnamenti in Magna Grecia: alcuni casi di studio; F. Veronese, Poleis, santuari e «paesaggi di potere» nella Sicilia greca d’età arcaica; F. Coarelli, Mundus, pomerium, ager: la concezione dello spazio a Roma; M. Valenti, La campagna toscana tra fine dell'età tardoantica ed alto Medioevo: diacronia delle strutture di potere e conseguenze sulla rete insediativa.