Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 3. Laurentius Manlius


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  46,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

3. Laurentius Manlius

La riscoperta dell'antica Roma - La nuova Roma di Sisto IV


Autore:
   Tucci P.L.  
Anno Edizione:
  2001
Collana/Rivista:  Quaderni di Eutopia
info
Isbn:
  88-7140-195-6
Materie:
   Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali
Formato:
  17x24
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  296
Illustrazioni:
  45 ill.
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AD150303

Il volume trae spunto da una casa costruita nella seconda metà del XV secolo nel centro di Roma e tuttora esistente, caratterizzata da una monumentale epigrafe che si richiama in vario modo all'antica Roma (la datazione è AB VRBE CONDITA) e da elementi marmorei reimpiegati, in particolare iscrizioni funerarie. Oltre a diverse acquisizioni a proposito delle caratteristiche architettoniche dell'edificio e della sua datazione, molte sono le novità sulla topografia dell'antica Roma (nelle cantine sono stati scoperti i resti del tempio di Nettuno) e sulla zona di piazza Giudea nel tardo medioevo. Il protagonista dell'opera è però il committente, quel Laurentius Manlius il cui nome è inciso in latino e in greco all'interno e all'esterno della casa, rimasto finora nell'anonimato: grazie a una capillare ricerca archivistica è stato possibile identificarlo per la prima volta, ricostruendo allo stesso tempo le vicende della sua famiglia. Rienzo Manei (questo era il suo vero nome) era uno speziale e, pur appartenendo a una delle classi sociali emergenti nella Roma del XV secolo, la sua affermazione come nobilis vir si concretizzò grazie alla costruzione della nuova casa in piazza Giudea e a un sapiente uso ideologico dell'antico. Inoltre, come Manlio Capitolino aveva difeso l'Arx, così Rienzo (in virtù del suo incarico di sindaco di Santa Maria in Aracoeli) difendeva l'Arce, la parte del Campidoglio su cui sorgeva la chiesa francescana: così, secondo un costume non nuovo per l'epoca, cambiò il proprio cognome diventando Laurentius Manlius. La gens Manlia rinascimentale, esemplificando l'ascesa e il declino di tante famiglie romane nel corso del XV secolo, testimonia quel variegato conflitto che, soprattutto a partire dal pontificato di Sisto IV, oppose la Roma municipale e la Roma curiale, condizionando anche l'atteggiamento nei confronti dell'antico e la nascita del collezionismo.
Sommario: La vita di Lorenzo Manlio; Il testamento; I Manlii (1482-1494); La zona di piazza Giudea; La casa di Lorenzo Manlio; Le botteghe; La chiesa dei Manlii. Illustrazioni; Fonti archivistiche; Bibliografia; Indice dei nomi; Indice dei luoghi; Indice degli autori.