Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia
immagine del libro 6.1 Ville e Palazzi di Roma, 1756


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  85,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

6.1 Ville e Palazzi di Roma, 1756

Il primo incontro di Winckelmann con le collezioni romane


Autore:
   Raspi Serra J.  
Anno Edizione:
  2002
Collana/Rivista:  Quaderni di Eutopia
info
Isbn:
  88-7140-215-4
Materie:
   Riviste e Annali Storia dell'Arte
Formato:
  17x24
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  520
Illustrazioni:
  70 ill.
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AD150606

Le osservazioni, note, citazioni, giudizi, ricordi che le opere delle collezioni romane sollecitano in Winckelmann nel suo primo approccio con le raccolte di antichità che riempiono le carte del Ms. 68 (edito da J. Raspi Serra, oggi in ristampa), testimoniandoci l’andare e ritornare del loro Autore, sono in questi tomi raccolte e divise per Collezioni.
Incastonando ogni opera nel commento si sono ricollocate nelle antiche sedi, sala per sala negli interni e nei diversi punti degli esterni, le sculture, i rilievi, le are, le epigrafi… Sussidio indubbio le guide cronologicamente vicine anche se è da sottolineare che l’apporto di Winckelmann risulterà sempre la più puntuale testimonianza, e non certo solo nel commento, ma nella stessa localizzazione delle opere, molte oggi perdute, e in definitiva nella presentazione dei complessi. Di fondamentale aiuto i disegni coevi che illustrano le sculture, le Ville e i Palazzi.
L’insieme si compone di schede sulle opere inquadrate anche nella produzione critica successiva dell’Autore.
I testi se da una parte offrono la ricostruzione delle collezioni romane alla metà del XVIII secolo, in un momento felice che ne registra quasi al completo la ricchezza prima della diaspora, dall’altra danno la possibilità di valutare la realtà del primo giudizio di Winckelmann sulle opere antiche in rapporto all’evolversi della sua produzione critica.
Sommario: Introduzione. Avvertenza. Palazzo Albani. Palazzo Altemps. Palazzo Barberini. Palazzo Borghese. Villa Aldobrandini. Villa Alessandrina. Villa Borghese. Indice delle opere. Referenze fotografiche.