Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia Critica letteraria Ciranna S. Lombardi A. Montuori P.
immagine del libro I. Arcana verba. Fortuna e Iuppiter nel loro background indoeuropeo


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  55,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

I. Arcana verba. Fortuna e Iuppiter nel loro background indoeuropeo

La polemica tra Brelich e Dumézil e il “motivo della Sorte” - Introduzione di Mario Torelli


Autore:
   De Martino M.  
Anno Edizione:
  2013
Isbn:
  978-88-7140-521-6
Materie:
   Storia delle religioni Linguistica
Formato:
  15,5x24
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  512
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AD090100

Il nuovo libro di Marcello De Martino, linguista e storico delle religioni antiche, porta una prospettiva completamente nuova su due divinità romane, Iuppiter e Fortuna: l’opera si sviluppa in due volumi autonomi ancorché intimamente collegati. Il primo di questi prende le mosse dalla teoria dell’Autore sull’identità del Genius urbis Romae, che egli individua grazie a nuove testimonianze epigrafiche e monumentali (di cui si accludono foto). Poste queste premesse, De Martino rimette al centro della religione arcaica romana la dea Fortuna la cui importanza all’interno del pantheon dell’Urbe è infine riconosciuta al pari di quella del supremo dio Iuppiter: di conseguenza viene riconsiderata quella “polemica” religiosa tra Roma e Praeneste, cioè tra la relativa divinità poliade Fortuna Primigenia e lo Iuppiter romano, che divenne l’oggetto di una querelle tra Angelo Brelich e Georges Dumézil dei quali si mettono a confronto criticamente gli scritti con l’apporto di nuovi documenti, alcuni mai pubblicati in Italia e altri completamente inediti; De Martino riesce così a mostrare un quadro della questione vòlto a costituire la base per il secondo volume, ove si avanza un’ipotesi che supera le obiezioni e le aporie delle teorie dei due suddetti studiosi.
Sommario: Sommario: Introduzione. 1. Il Genius urbis Romae: da Venus Calva a Fortuna Barbata. 2. Die geheime Schutzgottheit von Rom di Angelo Brelich: osservazioni critiche. 3. “Recensioni di scambio”. Origine della querelle tra Dumézil e Brelich: il primo “malinteso”. 4. Roma 1955: Brelich vis-à-vis Dumézil. Da Fortuna Barbata a Fortuna Primigenia. 5. Servio Tullio e la sua dea “tutelare” Fortuna: Duméziliana. 6. 1956, annus horribilis. Dumézil vs Brelich: inizio della querelle. 7. Fortuna Primigenia vs Iuppiter: Brelichiana. In mezzo alla querelle: il secondo “malinteso”. 8. La religion romaine archaïque 1966, l’“irenismo” di Georges Dumézil e la coda polemica di Brelich: fine della querelle.