Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia Critica letteraria
immagine del libro Le iscrizioni della collezione Obizzi


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  32,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

eBook (PDF) Prezzo: €  22,40
Per procedere all'acquisto effettuare il login

Le iscrizioni della collezione Obizzi


Autore:
   Tozzi G.  
Anno Edizione:
  2017
Isbn:
  978-88-7140-828-6
e-Isbn:
  978-88-7140-868-2
Materie:
   Epigrafia Archeologia
Formato:
  21,5x28
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  260
Illustrazioni:
  in bn
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AB080700

Nel castello del Catajo, in località Battaglia Terme presso Padova, la famiglia Obizzi raccolse una ricca collezione di antichità, eterogenea per quantità e qualità dei pezzi, tra cui figuravano anche molte iscrizioni in lingua latina e un nucleo significativo di iscrizioni in lingua greca; costituita e accresciuta in particolare dall'ultimo erede della famiglia, il marchese Tommaso (1750-1803), tale raccolta passò alla morte di quest'ultimo per via testamentaria agli Este e di qui agli Asburgo, cui si deve il trasferimento a Vienna alla fine dell'Ottocento della quasi totalità dei pezzi, attualmente custoditi nel Kunsthistorisches Museum; pochi esemplari sono invece oggi a Pola, Aquileia, Trieste, Modena, Este e Altino. Questo catalogo raccoglie e illustra tutte le epigrafi di tale collezione, che fu certamente tra le più apprezzabili formatesi in Veneto nella seconda metà del Settecento.
Sommario: Premessa. Introduzione. Abbreviazioni. Le iscrizioni latine. Le iscrizioni greche. Indice. Concordanze. Elenco delle illustrazioni.