Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia Critica letteraria Ciranna S. Lombardi A. Montuori P.
immagine del libro 38. «Forme mutate in nuovi corpi»


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  45,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

38. «Forme mutate in nuovi corpi»

Le Metamorfosi di Ovidio illustrate nel Codice Panciatichi 63


Autore:
   Simeoni G.  
Anno Edizione:
  2017
Collana/Rivista:  Antenor - Quaderni
info
Isbn:
  978-88-6938-110-2
Materie:
   Storia dell'Arte Storia medievale
Formato:
  21x29,7
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  158
Illustrazioni:
  42 in bn + 12 tavv. a colori
Casa Editrice:
  Padova University Press
Cod. :
  CE043800

Il manoscritto Panciatichi 63, conservato alla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, tramanda la versione in volgare delle Metamorfosi di Ovidio redatta dal notaio Arrigo Simintendi da Prato. Il codice trecentesco, realizzato in ambito fiorentino, è l’unico testimone illustrato di questo volgarizzamento, il primo a distinguersi dalla tradizione letteraria medievale che reinterpretava in chiave allegorica o moralizzante l’opera ovidiana. I vivaci disegni a penna e inchiostro acquerellato raffigurano le favole mitologiche del poema, costituendo un commento per immagini che accompagna la lettura del testo. In questo viaggio attraverso il mondo dei miti, l’autrice mette in luce le scelte figurative operate dall’illustratore che attinge alla cultura artistica del suo tempo per dare vita a divinità, ninfe ed eroi della tradizione classica. Tra analisi stilistica e ricerca iconografica emerge la complessità delle illustrazioni mitologiche in questo unico e raffinato volgarizzamento.

The manuscript Panciatichi 63, preserved in the Biblioteca Nazionale Centrale of Florence, contains the vernacular version of Ovid’s Metamorphoses written by the notary Arrigo Simintendi from Prato. The fourteenth century florentine manuscript is the only illustrated vernacular copy, the first to be different from the medieval literary tradition reinterpreting ovidian work in allegorical or moralizing terms. The drawings depict the mythical fables of the poem, forming a commentary of images which follows the reading of the text. In this journey through the world of myths, the author highlights the figurative choices made by the illustrator who draws on the artistic culture of his period to animate divinities, nymphs and heroes of the classical tradition. Between stylistic analysis and iconographic research emerges the complexity of the mythological illustrations in this unique and fine vernacular manuscript.
Sommario: Prefazione (Palmira Panedigrano)
Introduzione (Federica Toniolo, Monica Salvadori)
I - Il manoscritto. Le Metamorfosi volgarizzate del codice Panciatichi 63
II - La figurazione dei miti: fonti letterarie e analisi delle immagini
III - Narrare le Metamorfosi con le immagini: i sistemi illustrativi e i modelli figurativi
IV - Scheda codicologica del ms. Panciatichi 63
Bibliografia
Elenco dei manoscritti citati
Indice dei nomi
Tavole