Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia Critica letteraria Ciranna S. Lombardi A. Montuori P.
immagine del libro Statio


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  50,00
Per procedere all'acquisto effettuare il login

Statio

I luoghi dell'amministrazione nell'antica Roma


Autore:
   Coarelli F.  
Anno Edizione:
  2019
Isbn:
  978-88-7140-941-2
Materie:
   Topografia antica Archeologia Storia romana
Formato:
  20,5x26
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  494
Illustrazioni:
  170 in bn
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AA031000

Una grave lacuna delle nostre conoscenze sull’organizzazione urbanistica della Roma antica è stata più volte segnalata: e cioè l’apparente assenza di resti attribuibili alle infrastrutture amministrative della città. Ciò è stato spesso spiegato, da parte degli studiosi di tendenza metodologica “primitivista”, come una carenza reale, dovuta all’insufficiente sviluppo e alla scarsa articolazione delle società antiche. Contro questa posizione storiografica si è andata manifestando, negli ultimi decenni, un’energica reazione, che riconosce una, sia pur relativa, complessità della megalopoli romana, in particolare nel settore amministrativo. Di qui una serie di studi, che hanno modificato nel profondo l’immagine tradizionale dei servizi urbani: fornitura dell’acqua, annona, lavori pubblici, coniazione della moneta, archivi, distribuzione di alimenti alla plebe urbana, organizzazione dei tribunali, polizia e vigiles, per limitarsi ai principali.
Tuttavia, per le particolari competenze richieste da tali ricerche (di carattere storico-epigrafico e storico-giuridico) questi importanti risultati non si sono tradotti in studi di carattere spaziale e topografico, cioè in indagini rivolte a identificare le infrastrutture, gli edifici specializzati (uffici, bureaux, officine) in cui tali attività dovevano necessariamente svolgersi: in effetti, in questo ambito le difficoltà sono ancora maggiori, se si considera da un lato la nostra limitata e frammentaria conoscenza di gran parte dei quartieri urbani; dall’altro la tipologia poco caratterizzata dei fabbricati nei quali avevano sede le funzioni amministrative della città, spesso indistinguibili da quelli destinati ad altre attività. Ciò ha provocato talvolta conclusioni “decostruttive” quanto meno paradossali, come quella di Nicholas Purcell (1996), riportata nel frontespizio: “Nessuna sede di ufficio e nessuna scrivania saranno mai scoperti”!
Un’opinione opposta è stata enunciata, solo qualche anno più tardi (2001), dal miglior conoscitore dell’architettura romana, Pierre Gros, in un articolo di sintesi che, oltre a proporre una convincente identificazione di alcuni edifici con sedi di amministrazioni imperiali, ha fissato alcuni essenziali punti di metodo, largamente riproposti anche nel presente volume: con esso ci si è proposti, per la prima volta in modo così ampio, di esplorare le possibilità di identificazione di tutti gli edifici di carattere, in senso lato, amministrativo.
Pervenire a risultati positivi in una materia così estesa e complessa richiede, in primo luogo, la riconsiderazione di interi quartieri della città, affrontando problemi topografici difficili, sui quali i pareri sono spesso inconcilabili: come è il caso dell’area tra Velia e Carinae, dove si trovava la sede della Praefectura urbis tardoantica. Inoltre, l’utilizzazione di molte discipline diverse: la topografia romana, beninteso (incluse le fonti letterarie), la tipologia architettonica, ma soprattutto l’epigrafia, il cui contributo, se si tratta di documenti trovati in situ, si rivela decisivo.
Si tratta nel complesso di una ricerca assai estesa, che ha richiesto un impegno non lieve: essa offre comunque l’opportunità di una discussione e l’occasione per futuri progressi in un terreno finora assai poco dissodato.
Sommario: Introduzione
1. Preambolo
2. Il quadro di riferimento
3. Il termine statio in relazione ai luoghi dell’amministrazione pubblica

I. GLI ARCHIVI DELLO STATO
1. Aerarium Saturni
2. Il Tabularium publicum
3. “Schola Xhanti” e “Portico degli dei consenti”
4. Aerarium militare
5. Tabularium principis

II. MONETA
1. L’officina Monetae dell’Arx
2. La Moneta imperiale della regio tertia

III. ATRIUM LIBERTATIS
1. Il tipo edilizio dell’atrium
2. La localizzazione dell’atrium Libertatis
3. L’atrium Libertatis traianeo

IV. STATIO ANNONAE
1. Il Tempio di Cerere e le frumentationes arcaiche
2. Sp. Maelius e P. Minucius
3. La localizzazione della Statio annonae

V. STATIO AQUARUM
1. Le origini
2. La Statio aquarum imperiale
3. La Statio aquarum tardoimperiale

VI. LE DISTRIBUZIONI ALIMENTARI ALLA PLEBE ROMANA
A. La porticus Minucia e le frumentationes
1. La situazione del Campo Marzio centrale
2. Il luogo originario delle frumentationes: la Villa publica
3. Da Gaio Gracco ad Augusto: storia delle frumentationes
4. Porticus Minucia
5. L’identificazione della porticus Minucia: una risposta alle critiche recenti
6. Fortuna huiusce diei
7. Il “Sarcofago dell’Annona” e la Fortuna huiusce diei
8. Il panis gradilis e le distribuzioni tardoantiche
B. Il Tempio del Sole e i vina Fiscalia

VII. LA PRAEFECTURA URBIS
1. I luoghi del processo e la fondazione della Praefectura urbis
2. Velia, Carinae, Fagutal
3. La viabilità
4. Il Tempio di Tellus
5. La Basilica di Massenzio, il Secretarium tellurense e l’edificio della Praefectura urbis

VIII. LE COHORTES VIGILUM
1. La storia
2. I luoghi delle caserme

IX. CURSUS PUBLICUS
1. I precedenti
2. La creazione del cursus publicus
3. La sede del cursus publicus

Abbreviazioni
Bibliografia
Indice delle illustrazioni
Indice analitico