Paleografia Numismatica Studi sulla cultura dell'antico Riviste e Annali Archeologia Etruria Meridionale Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina Divulgazione scientifica Architettura Storia dell'Arte Storia Narrativa e poesia Varie Pittura Scultura Disegno, incisione, grafica Guide storico-artistiche Tradizioni popolari e arte applicata Musei Fotografia Restauro e conservazione Cataloghi di mostre Altre pubblicazioni Pubblicazioni di Arte e Storia Grandi opere Archeologia di Roma e Lazio Cartografia archeologica Epigrafia Topografia antica Ristampe di opere classiche Filologia Etruscologia Storia del collezionismo Letteratura Informatica Topografia Studi sull’architettura Produzione e commerci Storia delle religioni Linguistica Storia delle religioni Studi sull’architettura Storia medievale Musica Storia urbana Studi sull'immagine Ecologia Storia romana Educazione ambientale Storia economica e sociale Diritto romano Cultura greca Storia di Roma poesia Cartografia Storiografia Critica letteraria Ciranna S. Lombardi A. Montuori P. Annoscia G.M.
immagine del libro 3. Scavi ad Aquileia I


Libro
Disponibilità: 
Si
Prezzo:  €  30,98
Per procedere all'acquisto effettuare il login

3. Scavi ad Aquileia I

L'area ad Est del Foro *Rapporto degli scavi 1988


Autore:
   Verzár-Bass M.  
Anno Edizione:
  1991
Isbn:
  88-7140-031-3
Materie:
   Archeologia e protostoria nella Gallia Cisalpina
Formato:
  22x28
Allestimento:
  Brossura
Numero Pagine:
  392
Illustrazioni:
  63 tavv.; 7 piante
Casa Editrice:
  Edizioni Quasar
Cod. :
  AE020300

Gli scavi ad Aquileia, condotti dal Dipartimento di Scienze dell’Antichitŕ dell’Universitŕ di Trieste, sono stati iniziati nell’area a est-nordest del Foro, a 30 m circa dal portico che circonda la piazza centrale. Le strutture emerse durante le indagini appartengono, come sembra, a una zona di mercato, attuata tra il porto fluviale e il Foro stesso. Vi sono riconoscibili 4 fasi edilizie principali che, sulla base dei materiali, possono essere datate tra il periodo tardo repubblicano e il V sec. d.C. Muri e pavimenti, soprattutto quelli musivi, risultano fortemente danneggiati dai saccheggi plurisecolari, situazione che ha reso difficile una corretta lettura stratigrafica dell’area scavata. Degli abbondanti materiali, prevalentemente ceramici, vengono presentati quelli degli strati piů o meno intatti, mentre la stragrande maggioranza (soprattutto anfore africane), contenuta in uno spesso strato di copertura totalmente rimescolato sarŕ pubblicata in un volume a parte.
Sommario: Premessa. Parte prima: Lo scavo: La situazione topografica e lo scavo. 1. Inquadramento storico; 2. Fasi edilizie; 3. Proposte di interpretazione. Descrizione dello scavo. 1. I saggi stratigrafici; 2. Elenco e tabelle delle unitŕ stratigrafiche e dei materiali. Parte seconda: I materiali: Premessa metodologica. Elementi architettonici. 1. Decorazione architettonica (DA); 2. Decorazioni parietali (DP). Scultura. 1. Scultura in terracotta (ST); 2. Sculture in pietra (SP). Ceramica fine da mensa. 1. Ceramica a vernice nera (CVn); 2. Ceramica a pareti sottili (CPs); 3. Vasellame in terra sigillata italica (CI); 4. Terra sigillata orientale (CO); 5. Terra sigillata africana (CA); 6. Ceramica ad orlo annerito (CAa); 7. Ceramica verniciata (CV); Ceramica invetriata (CIn); Ceramica a vernice rossa interna (CVr). Ceramica comune. 1. Rozza terracotta (CCg); 2. Ceramica comune depurata e semidepurata (CCd); 3. Ceramica cinerognola (CCi). Anfore. 1. Anfore italiche (AI); 2. Anfore spagnole (AS); 3. Anfore del Mediterraneo orientale (AO); 4. Anfore africane (AA); 5. Bolli e contrassegni su anfora (AB); 6. Coperchi d’anfora (AC). Lucerne (L). Vetri (V). Oggetti in metallo. 1. Monete (M); 2. Oggetti in bronzo (B); 3. Oggetti in ferro (F). Oggetti in osso lavorato e avorio. 1. Oggetti in osso lavorato (OL); 2. Oggetti in avorio (AV). Ossi animali. Analisi chimiche. Bibliografia. Tavole 1-53. Piante I-VII.